Quello che ho ottenuto a Dubai è solo il 10% della mia visione
da quello che dovrebbe essere.
Sua Altezza Mohammed bin Rashid Al Maktoum,
Primo Ministro e Vice Presidente
Emirati Arabi Uniti,
sovrano di dubai

  • L'aeroporto più grande del mondo
  • I più grandi progetti di sviluppo costiero del mondo
  • Il parco divertimenti più grande del mondo
  • Il più grande centro commerciale del mondo
  • La torre più alta del mondo
  • L'hotel più alto del mondo
  • L'edificio residenziale più alto del mondo
  • L'unico hotel 7 stelle al mondo
  • Il porto turistico più grande del mondo
  • Il maggior numero mondiale di milionari pro capite

Ottima vista della città di Dubai di notte

Guardando attraverso il finestrino del più grande aereo di linea passeggeri a due piani del mondo Airbus A380 della compagnia aerea Emirates di notte, la città del futuro Dubai inondata di luce, è difficile immaginare che 50 anni fa fosse un deserto inesplorato con una piccola costa insediamento, i cui abitanti erano impegnati nella pesca, nell'estrazione di perle e nel commercio marittimo.

Dubai prima e dopo

Dubai prima e dopo

Dubai prima e dopo

Oggi Dubai è diventata un simbolo del progresso umano e, nonostante l'assenza di condizioni naturali favorevoli, ha lasciato indietro le capitali e le megalopoli delle maggiori potenze mondiali. In nessun posto al mondo il lusso è elevato a un tale assoluto. Un proverbio locale dice: “Volevamo il meglio, ma è venuto anche meglio!”.

Dubai è la città più grande degli Emirati Arabi Uniti, il centro amministrativo dell'emirato di Dubai, il più importante centro commerciale e finanziario degli Emirati Arabi Uniti e dell'intero Medio Oriente

Dubai è la città più grande degli Emirati Arabi Uniti, il centro amministrativo dell'emirato di Dubai, il più importante centro commerciale e finanziario degli Emirati Arabi Uniti e dell'intero Medio Oriente

Dubai è la città più grande degli Emirati Arabi Uniti, il centro amministrativo dell'emirato di Dubai, il più importante centro commerciale e finanziario degli Emirati Arabi Uniti e dell'intero Medio Oriente

La storia di Dubai è breve e si divide in due periodi principali: prima della scoperta dei giacimenti petroliferi e dopo. I primi insediamenti beduini a Dubai hanno incontrato grandi difficoltà nell'adattarsi alla posizione geografica. Le temperature diurne superavano i 40 gradi, i coloni sperimentavano una costante mancanza di acqua fresca e cibo. Nonostante ciò, continuarono a vagare, allevando capre e cammelli, oltre a coltivare datteri. Tuttavia, la favorevole posizione costiera ha reso questo luogo un porto sicuro per il commercio marittimo. Questa posizione, così come gli incentivi fiscali introdotti dai primi sovrani dell'emirato, attirarono l'attenzione dei portoghesi e degli inglesi, che fu l'inizio della formazione di una nuova città multiculturale e il più grande centro commerciale del Golfo Persico.

Dubai deve il suo sviluppo, prima di tutto, allo sceicco al potere Rashid bin Syed Al Maktoum, il padre dell'attuale sceicco al governo, che ha gettato le basi per la trasformazione economica. Sviluppando le infrastrutture del porto, approfondendo ed ampliando la baia, Dubai ha acquisito lo status di porto principale del Medio Oriente. Durante il suo regno fu posto l'inizio del commercio esentasse, che rafforzò ulteriormente lo status del porto come principale per il trasporto di merci nel Golfo Persico. Ma con la scoperta di giacimenti petroliferi a metà degli anni '60, tutti questi progetti ricevettero un forte sostegno finanziario.

Pozzi petroliferi a Dubai

Di tutti i sette emirati, Dubai ha solo il 5% di tutte le riserve petrolifere degli Emirati Arabi Uniti. Rendendosi conto che le riserve petrolifere dell'emirato sono molto limitate, i saggi consiglieri economici dello sceicco hanno elaborato un piano competente per lo sviluppo dell'attrattiva degli investimenti di Dubai e l'utilizzo degli investimenti finanziari: dall'estrazione dell'oro nero alla sua trasformazione in oro vero nel vero senso della parola della parola.

Ad oggi, l'economia di Dubai dipende dalla produzione di petrolio solo per l'1-2%. Una crescita e uno sviluppo inimmaginabili sono dovuti soprattutto all'apertura di zone di libero scambio e di zone economiche franche. Insieme allo sviluppo del centro commerciale e dei trasporti, Dubai è diventata un attraente centro finanziario internazionale che attrae investitori da tutto il mondo con una vasta scelta di possibili investimenti e l'assenza di imposta sul reddito.

Dubai è il più grande centro commerciale, finanziario e turistico del Medio Oriente. Il ritmo di sviluppo della città è paragonabile a quello di Shanghai.

Grazie all'apertura agli investimenti stranieri, sono nati progetti unici al mondo come Dubai Media City – un centro per pubblicisti internazionali, annunciatori, professionisti della radio e della televisione, Dubai Internet City – la nuova Silicon Valley del Medio Oriente. Nel prossimo futuro, si prevede di creare una "Silicon Oasis" (Dubai Silicon Oasis) intorno alla baia di Al Khor. Dubai diventerà un parco tecnologico per aziende di progettazione e produttori di microelettronica.

Dubai è il terzo centro di riesportazione più importante al mondo (dopo Hong Kong e Singapore)

Il successo di Dubai è semplice: proprietà straniera al 100%, nessuna tassa e una burocrazia regolare.

Dubai non ha alcuni tipi significativi di tasse: imposta sul reddito delle società, imposta sulle plusvalenze, imposta sul reddito delle persone fisiche e imposta sul rimpatrio del reddito. Gli Emirati Arabi Uniti hanno anche accordi sulla doppia imposizione con più di venti paesi in tutto il mondo.

Le infrastrutture per il turismo e gli oggetti paesaggistici creati artificialmente stupiscono anche una persona che ha visto il mondo. In meno di 10 anni, sulla costa del Golfo Persico, sono stati bonificati artificialmente 3 arcipelaghi di isole a forma di palme, che si estendono per diversi chilometri nella baia aperta, formata da modernissimi hotel multipiano e complessi residenziali con infrastrutture stradali sviluppate e persino nuove linee metropolitane monorotaia! Dove altro l'hai visto, chiedi?

Un'attenzione particolare merita l'isola artificiale di Palm Jumeirah e il cosiddetto Dubai World – un arcipelago di isole destinato allo sviluppo con ville private, bonificato, ancora, nel mezzo della baia sotto forma di mappa del mondo!

Leggi di più su questa meraviglia del mondo creata dall'uomo nel nostro articolo "Isole artificiali a Dubai: un enorme risultato nella storia dell'architettura mondiale".

Palm Jumeirah. La costruzione dell'isola è iniziata nel giugno 2001. Alla fine del 2006, l'isola è stata gradualmente abbandonata allo sviluppo

Palm Jebel Alì. La costruzione è iniziata nell'ottobre 2002, l'isola è stata commissionata alla fine del 2007

Palm Deira (progetto vista dell'isola). Il più grande dei tre. La costruzione è iniziata nel novembre 2004

The World o World Islands – un arcipelago artificiale composto da diverse isole, con una forma generale che ricorda i continenti della Terra, si trova a 4 chilometri dalla costa di Dubai negli Emirati Arabi Uniti

Le isole Palm di Jumeirah e Jebel Ali e l'arcipelago Mir (vista dallo spazio)

Palm Islands e l'arcipelago Mir (vista panoramica del progetto)

Palm Islands e arcipelaghi "Mir" e "Universe" (vista panoramica del progetto)

Isole artificiali a Dubai (progetto vista panoramica)

E che dire di una vera stazione sciistica in mezzo al deserto? Sì, sì, una vera stazione sciistica, con neve vera, sci veri, pattini, scivoli, impianti di risalita e bambini arabi sconvolti che sono semivestiti, con cappelli e pantaloncini o sciarpa sopra una maglietta, lo slittino. Fuori dalla finestra del comprensorio sciistico artificiale, turisti e gente del posto, completamente vestiti d'estate, stanno in mezzo alla folla, pensando che, a quanto pare, devono ancora comprare un cappello e andare a fare un giro.

Ski Dubai è un parco divertimenti e la prima stazione sciistica al coperto del Medio Oriente e una delle più grandi al mondo con una superficie di circa 22500 m² coperta di neve artificiale tutto l'anno. Capacità – 1500 visitatori. Situato nel centro commerciale degli Emirati.

Ski Dubai è stato inaugurato nel novembre 2005. Ha un'altezza di sollevamento di 60 metri con 5 piste di varia pendenza e difficoltà. C'è una pista di 90 metri per gli snowboarder. La pista è circondata da un'area di circa 3000 m² con varie piste da slittino, sporgenze di arrampicata, una grotta di ghiaccio e un cinema.

Grazie a un moderno sistema, la temperatura nel parco viene mantenuta entro 1–6 °C sotto zero. Nel 2007 il parco ha ricevuto il suo primo riconoscimento per le sue attività. L'altezza del complesso è di 85 metri.

Nel mezzo di enormi centri commerciali, o, come vengono chiamati, centri commerciali (dall'inglese mall), sono stati inventati tutti i tipi di intrattenimento. I centri commerciali a Dubai sono diventati molto più che semplici luoghi dove fare acquisti. È un luogo di incontro e di svago. Quando la temperatura dell'aria supera i 40 °C per gran parte dell'anno, il desiderio naturale di qualsiasi persona sarà quello di mettersi al riparo da questo caldo. Per questo ogni anno a Dubai cresce un nuovo centro commerciale, che conquista tutti con le sue dimensioni e la raffinatezza delle attrazioni in esso inventate.

Acquari per decine di migliaia di tonnellate d'acqua con squali e altra vita marina. Tutti possono cogliere l'occasione per tuffarsi in questa vasca proprio di fronte a tutti i visitatori e nuotare accanto allo squalo. Piste di pattinaggio sul ghiaccio, cinema, ristoranti, parchi giochi per bambini, Internet club, in generale, tutto ciò che può mantenere una persona in un tale centro. Il tempo vola via nei moli. Uscendo a fine giornata con le borse della spesa piene, all'improvviso ti rendi conto che la giornata è passata e sei riuscito a portare solo un quinto di quello che c'era. Quando esci in strada, sei nuovamente colpito dal numero di persone in fila e dal numero di taxi in fila. Questo non è nemmeno nei principali aeroporti del mondo.

Quindi, uno dei nuovi centri commerciali, che al momento è il più grande di tutti i centri commerciali, e puoi confrontarlo con dieci complessi della stazione marittima di Odessa con tutti i suoi edifici, si trova accanto alla nuova meraviglia del mondo appena aperta – l'edificio più alto del mondo, Burj – Khalifa. Questo edificio a forma di stalagmite, che si assottiglia verso un picco, ha 828 metri. Il Burj Khalifa infatti è una città nella città, e solo elencando cosa c'è dentro si possono spendere più di cento pagine. Leggi di più sull'edificio più alto del mondo nel nostro articolo

Il Burj Khalifa era originariamente progettato per essere l'edificio più alto del mondo. Quando il grattacielo era ancora in costruzione, la sua altezza di progetto era tenuta segreta. Ciò è stato fatto nel caso in cui fosse stato progettato un grattacielo di altezza maggiore da qualche parte, quindi è stato possibile apportare modifiche al design della torre di Dubai.

Indubbiamente, l'unico hotel Burj Al Arab a sette stelle al mondo, costruito nel 1999, noto come Sail Hotel, era considerato un simbolo della moderna Dubai prima della comparsa del Burj Khalifi. Sette stelle è, ovviamente, un'iperbole, ma il Sail Hotel è stato il primo progetto eccezionale che ha attirato l'attenzione dell'industria del turismo globale su Dubai. Si trova su un'isola artificiale, ad una distanza di 280 metri dalla costa, ha un'altezza di 321 metri. La hall dell'atrio all'interno dell'hotel con lussuose colonne dorate conduce al suo apice. All'interno dell'hotel sono stati utilizzati 8000 metri quadrati di foglia d'oro a 22 carati.

La ricchezza e il lusso dell'hotel si sentono in ogni dettaglio. L'hotel non dispone di camere semplici. Delle 202 camere, la più piccola è di 169 m² e la più grande di 780 m², e il prezzo per notte è di 28000 USD. L'hotel dispone di diversi ottimi ristoranti, tra cui uno panoramico all'ultimo piano con vista sul Golfo Persico. Se vuoi vedere la favolosa ricchezza di mille e una notte, il Burj Al Arab è assolutamente adatto a questo.

Leggi di più su questo hotel unico nel nostro articolo "Il Burj Al Arab è l'hotel più lussuoso del mondo".

L'hotel si descrive come un hotel a sette stelle. Questa caratterizzazione è un tentativo di uscire dalla categoria degli hotel che si caratterizzano come hotel a sei stelle. Formalmente, tutti i sistemi di valutazione degli hotel hanno un punteggio massimo di 5 stelle. Secondo il sito ufficiale, Burj Al Arab è un cinque stelle deluxe

Tutte le camere sono dotate delle più moderne tecnologie e design e offrono il massimo livello di lusso e comfort. Il clou di tutte le camere sono le enormi finestre a tutta parete con vista sul mare.

Uno dei ristoranti dell'hotel, El Muntaha, si trova a 200 metri sopra il Golfo Persico e si affaccia sulla città di Dubai. Vi si accede tramite ascensore panoramico. Un altro ristorante, El Mahara, dove i visitatori vengono portati su una nave che imita un sottomarino, contiene un enorme acquario di acqua salata con una capacità di oltre un milione di litri.

Tra il personale di servizio non incontrerai mai rappresentanti della popolazione locale. Il tenore di vita dei nativi di Dubai è molto alto e, dato il loro piccolo numero e l'enorme quantità di nuove infrastrutture create a Dubai, quasi tutti sono imprenditori o dirigenti senior.

Sarebbe necessario approfondire le complessità della religione musulmana e della cultura araba per descrivere l'atteggiamento degli arabi indigeni nei confronti del lavoro, delle donne e della vita in generale, al fine di comprendere il grado di importanza dello status e della parentela nella lingua araba società. Ci limitiamo a dire che ogni residente locale, contraendo matrimonio con un residente locale, riceve dallo Stato, nella persona della famiglia dello sceicco, l'equivalente di 20.000 dollari, e una casetta con più camere da letto. Lo stato motiva così la popolazione locale, già poco desiderosa di sposare stranieri, a stringere legami familiari con connazionali. Ogni uomo ha il diritto di avere 4 mogli, ma questo non significa che possano vivere tutti nella stessa casa. Per ciascuna delle mogli, il marito deve fornire una casa separata e una vita dignitosa.

Le famiglie tendono ad avere molti figli. Nelle famiglie benestanti, i padri identificano i propri figli con il passaporto di famiglia quando arriva il momento di educare il figlio e stanziare fondi per il viaggio all'estero. A noi sembra ridicolo, ma è vero.

Le FEZ – Free Economic Zones – hanno un valore significativo nel fare affari a Dubai. La zona offshore si trova nell'area di Jebel Ali

La maggior parte della popolazione ora è costituita da lavoratori ospiti provenienti dall'India, dallo Sri Lanka, dall'Africa e dalle ex repubbliche sovietiche. Tutti sono impiegati nei cantieri o al servizio di milioni di turisti provenienti da tutto il mondo. Servizio e cortesia – al massimo livello. La concorrenza è un imperativo. Difficilmente vedi gli assistenti, ma ovunque è pulito. Nessuno è invadente sopra la tua testa, ma se hai bisogno di qualcosa, allora c'è sempre qualcuno nelle vicinanze che ti chiederà con un sorriso come può aiutarti. E così ovunque. E così tutto. E così tutto il tempo. E non c'è niente da fare :)

 

E ora 3 piccoli video su questa città in più rapida crescita: